Ristorante Tancredi Sirmione Chef Roberto Stefani

RISTORANTE TANCREDI

Chef: Roberto Stefani

Via:  XXV Aprile, 75 Sirmione (BS)

Tel: 0309904391

Spesa media escluso bevande: € 110,00

Chiusura: Lunedi

La Mia Valutazione:

E’ sempre molto bello ritornare in quel di Sirmione..in particolar modo quando trattasi di una nuova e piacevole tappa gourmet.

Sto parlando del Ristorante di Arnaldo Damiani, oggi gestito con accortezza e disinvolta maestria dal giovane figlio Edoardo.

Una graziosa location dall’ambiente essenziale ed elegante, curato nei dettagli che esprimono un lusso delicato e resa ancor più speciale da una affascinante vista sul lago di Garda.

Alla guida della cucina c’è lo chef Roberto Stefani classe 1982 di origini bresciane formatosi da Gualtiero Marchesi e da Antonio Guida del ristorante 2 stelle michelin Seta del Mandarin Oriental di Milano

Lo chef propone una cucina dalle creazioni eleganti e di buon livello senza troppo scivolare nel “turistico”. Piatti ben eseguiti dai sapori ben distinti tra loro e molto equilibrati.

Un menù con proposte prevalentemente di pesce ma non mancano interessanti proposte di carne.

Il piatto che voglio consigliarvi è sicuramente il Granchio reale, preparazione molto armoniosa e delicata..e le Lumachine di mare alla bourguignonne..
Mi è piaciuta meno la faraona in crosta di pane, troppo cotta e “stopposa” ma resta un’idea valida.

E non dimentico certamente il dessert, la cui carta è ideata dalla Pastry Chef Annalisa Borella con importanti esperienze a El Celler de Can Roca, L’albereta, Mirazur e Villa Feltrinelli..
Poichè non ero molto convinto del dessert, lascio che sia Edoardo Damiani a decidere per me.
Nel sentire che vi erano anche dei pomodorini nella preparazione resto esterefatto.. e dico tra me e me, mi sa che ho fatto male. Ma niente di più sbagliato, al primo assaggio ricevo un esplosione di sapori, leggero, delicato ed elegante, un dessert semplicemente gustoso.

Ed infine spendo volentieri due parole sul personale di sala, l’attenzione che lo staff riserva agli ospiti è di garbata eleganza ed ineccepibile professionalità e simpatia

In conclusione voglio sbilanciarmi..meritevole si di una tappa gourmet ma meritevole altresì della stella Michelin.

IL GIOCO DEI PIATTI

Il Piatto da Bis:
Granchio Reale , patata viola e Champagne
Mica per niente è la signature dish dello chef

Il Piatto che non (ri)Ordinerei
Petto di faraona in crosta di pane e salsa suprema

lascia il tuo commento..