Ristorante Alice

RISTORANTE ALICE

Chef: Viviana Varese

Piazza Venticinque Aprile, 10 Milano

Tel. 02 4949 7340

Riconoscimenti Guide: 1 stella Michelin – 2 forchette Gambero Rosso

Spesa media escluso vini: € 85,00

Chef, Ti (ri)trovo, passami il termine, sempre più brava “cresciuta”, il tuo livello si è innalzato e continua ad innalzarsi ( si può dire così?)

Fatta la premessa iniziale veniamo al dunque; entro nel “centro commerciale” Eataly , passato davanti a frutta e verdure, giro verso il pescivendolo, attraverso la pizzeria ed infine arrivo davanti alla porta di Alice.

Attraverso la porta ed il ristorante mi appare subito bello poiché intravedo le vetrate che guardano verso la Piazza, la sala con i suoi spaziosi tavoli e ben distanziati,  la grande cucina a vista e tutti gli chef al lavoro che incantano..tutto richiama le atmosfere del sud..interessante e bella nel suo genere.

Vengo accolto con gentilezza da giovani, carine e professionali ragazze che mi fanno accomodare in “vetrata” con vista Piazza XXV Aprile.

Il tavolo è privo di tovagliato (ora va di moda) e mette in risalto il legno massello di Riva 1920 recuperati dai caratteristici pali della Laguna di Venezia e, su ogni tavolo, c’è un pesce diverso (né vivo né morto) realizzato dall’artista E.Paolucci

Arrivato il momento dell’ordinazione eccezionalmente opto per la carta (questa volta niente menù degustazione) poiché ci sono dei piatti che mi ingolosiscono ed incuriosiscono come ad esempio..

Gli Scampi marinati allo yuzu (meravigliosi) – Gambero rosso in acqua di pomodoro (sublimi) – Super spaghettino (da bis) Linguine ai ricci di mare (golose però mancavano un tantino di aggressività)… non c’è stato un piatto che non ho apprezzato seppur all’inizio nel bon bon di salmone ho trovato una bella spina all’interno ( lo so direte voi può capitare ..ma non dovrebbe)

La cucina di Viviana è principalmente rivolta al pescato con qualche dedica alla carne; le sue preparazioni abbinate con frutta e verdura sono ben preparate e ottimamente presentate ( si dice che il gusto inizia dagli occhi)  e dai sapori dove l’uno non sovrasta l’altro. Viviana appare come una Regina nella sua cucina..

La cantina è piccola ma ben pensata ed elaborata per la cucina stessa.

Due note “negative” il parcheggio è caro e non ho ricevuto un eventuale ticket dal ristorante per eventuale sconto, il servizio va in affanno quando si chiedono consigli su cosa ordinare e/o piatti must della cheffa..

Valida tappa gourmet.

Ho voluto appositamente non parlare della brava Sandra la quale, dopo circa 14 anni insieme alla cheffa Viviana, pare abbia deciso di lasciare il Ristorante Alice per inseguire nuovi progetti.


A.Rino

Rispondi