Ristorante Reale

RISTORANTE REALE

Chef: Niko Romito

Via:  Casadonna – Piana Santa Liberata –  Castel di Sangro (AQ)

Tel:  0864 69382

Riconoscimenti: 3 stelle Michelin – 3 forchette Gambero Rosso

Spesa media escluso vini: € 120,00

GUIDA MICHELIN

Essenzialità e minimalismo compongono il filo rosso che unisce gli ambienti eleganti della sala con la cucina creativa presentata nei piatti. Il bersaglio è la purezza dei sapori: la sua genesi è rintracciabile nella testa dello chef, ma prima ancora nasce nella terra e nel mare. Al Reale, tutto ciò viene proposto con quella grazia estetica che subito riconduce il pensiero alla cultura giapponese. La cifra di un grandissimo chef! Prodotti d’eccezione, purezza e potenza dei sapori, equilibrio delle composizioni: la cucina qui assurge al rango d’arte. I piatti, perfettamente realizzati, si ergono spesso a classici.

LE SOSTE

La cucina si spoglia di inutili orpelli e punta diritta verso l’essenzialità della materia prima, portandola in tavola con una semplicità tanto apparente quanto disarmante che ne amplifica il gusto. Questo è il pensiero di Niko Romito, lo chef autodidatta che non teme le sfide. Coraggioso nel trasformare un ex monastero cinquecentesco nel Parco Nazionale d’Abruzzo in santuario per turisti gourmet. Diciotto anni fa, insieme alla sorella Cristiana, decide di imprimere una svolta alla trattoria di famiglia e farne un laboratorio di ricerca gastronomica. Da allora qui al Reale la tecnica culinaria si mescola all’alchimia e la genialità alla sperimentazione incessante: il risultato sono piatti-scultura che esplodono di sapore. La sala altrettanto magistrale, diretta da Cristiana e supportata dalla professionalità di Gianni Sinesi in cantina, dialoga all’unisono con la cucina. Ma il dinamismo di questa squadra di talenti riluce anche nella costellazione di progetti di ristorazione diffusa, formazione professionale e prodotti per il consumo domestico, che tocca Milano e Roma.

GUIDA IDENTITA’ GOLOSE

Piace per quel suo sguardo orizzontale, per i tremori (passati) nell’affrontare il palcoscenico, per il non sentirsi mai arrivato anche se più di così solo l’ulteriore scalata nei 50best (per quel che vale). Eppure negli occhi di Niko Romito, il golden boy della cucina italiana, brucia il fuoco dell’ambizione, la luccicanza che gli permette di trasformare in oro quello che tocca.

A partire dal rudere sulle colline di Castel di Sangro, diventato il Casadonna. Un’attitudine alla didattica concretata nella scuola di Formazione all’alta cucina che macina talenti marcati a uomo dalla crew dei professori. Uno, cento Spazio destinati a moltiplicarsi. L’ultimo miracolo, l’accordo con Bulgari, uno che di gioielli s’intende. Prodigi di Intelligenza nutrizionale (vedi i menù per le mense ospedaliere) e pure imprenditoriale.

Un metodo Romito applicato ad ampio spettro, a forza di studi matti e coraggio di osare dove i cuochi solitamente non sanno. E un talento che vale per capacità di cavare il sangue dalle rape. O (meglio) a ritrovare il bandolo del sapore, a riscoprire l’essenza primigenia in un piatto. Sua Nitidezza Niko Romito si esercita in capolavori di assolutezza: Cipolla o Verza arrosto, Piccione fondente e pistacchio o Calamaro, pepe rosa e lattuga. E Pane. A questa mensa il più familistico dei bocconi, archetipo di nutrimento dai cinque sensi ai sette chakra, traguarda frontiere mai esplorate, complici i robusti bicipiti di Dino Como.
A tacere delle colazioni, che in casa Reale guadagnano il nome al luogo: in queste contrade pure il mattino ha l’oro in bocca.

VIAGGIATORE GOURMET

Un appuntamento atteso da tempo quello che si è tenuto al Reale di Castel di Sangro (AQ) all’interno di Casadonna, l’ex monastero Cinquecentesco che dall’11 agosto 2011 è diventato la casa di Niko Romito e della sorella Cristiana. Nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, una tenuta di sei ettari che accanto al ristorante, unico tre stelle Michelin del Sud Italia, ospita 9 camere di un relais di charme, un orto, un frutteto, una vigna e il progetto cui forse lo chef tiene di più, la scuola di cucina professionale che porta il suo nome. Un lungo viaggio quello che ha portato gli Amici Gourmet a scendere lungo lo Stivale e inerpicarsi per le stradine strette al confine tra l’Abruzzo e il Molise, ma a ripagare la fatica una grande certezza: quella di stare per vivere un’esperienza unica e indimenticabile nella casa di un mostro sacro della cucina italiana contemporanea. La cucina di Romito è frutto di intuizioni geniali e di costante ricerca; pulita ed elegante, vanta una semplicità apparente che solo i grandi talenti possono raggiungere. Apparente sì, perché come lui stesso ama sottolineare, ogni singola portata cela una complessità che conquista il palato e l’intelletto, creando un coinvolgimento graduale e crescente, senza mai portare il peso di inutili complicazioni e tecnicismi. Durante il nostro pranzo, con i suoi piatti Romito ha saputo arrivare dritto al punto, in profondità, schietto ed essenziale eppure capace di emozionarci e di trasmetterci tutta l’intensità di quella passione che gli ha stregato l’anima.

PASSIONE GOURMET

(in breve)

PREGI: Un progetto che sta andando oltre il ristorante. – La colazione per chi si ferma a dormire a Casadonna.
DIFETTI: I piatti del menù non cambiano molto rapidamente.

Cosa distingue un grande chef da uno chef in grado di lasciare il segno nella storia della cucina italiana? Il progetto. La visione. La sua riconoscibilità e la capacità di lasciare un’impronta nel modo di cucinare di altri colleghi. La differenza è tutta e soltanto qua, ma non è certo cosa di poco conto.
Quanti sono in Italia i progetti legati al mondo del cibo? I pensieri e le opere che travalicano le quattro mura di una cucina per affermarsi in campo nazionale e internazionale?
Pochi, pochissimi. E il progetto di Niko Romito è uno di questi.[..]

REPORTER GOURMET

Niko Romito e l’arte di non apparire; Cenni sul complesso lavoro di ricerca del cuoco tecnicamente più audace in Italia, dalla sua idea di semplicità apparente alla realizzazione di piatti che parlano una lingua nuova.[..]

VALUTAZIONE DEGLI UTENTI DI TRIPADVISOR ITALIA (ad ott./2018)

Eccellente: 403
Molto buono: 53
Nella media: 18
Scarso: 17
Pessimo: 17
(508 Recensioni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.