Novità sulla costa marchigiana

Due giovani cuochi, entrambi marchigiani, entrambi alle prese con la prima esperienza solista. E in arrivo da anni di gavetta presso cucine importanti. Così Alessandro Rapisarda a Numana, in una vecchia casa di pescatori; e tra qualche giorno anche Pierpaolo Feracuti, nella piazzetta del teatro di Porto San Giorgio.

Alessandro Rapisarda a Numana

Una cinquantina di chilometri di distanza sul litorale marchigiano sono quelli che corrono tra Porto San Giorgio (provincia di Fermo) e Numana (Ancona, tra le località più apprezzate del Conero). Qui, a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro debuttano due format di ristorazione che promettono di far parlare (bene) di sé. A Numana, poco meno di una settimana fa, Alessandro Rapisarda ha finalmente dato forma al sogno di aprire un ristorante suo: solo una ventina di coperti all’interno di un’antica casa di pescatori ripensata come ristorante dall’atmosfera familiare, lungo la suggestiva scalinata che taglia il borgo vecchio di Numana. Classe 1987, marchigiano di Ancona, già chef del Cafè Opera di Recanati ed esperienze importanti alle spalle (come gli inizi da Mauro Uliassi e l’alunnato presso Enrico Crippa), Rapisarda si è fatto notare negli ultimi due anni su diversi palcoscenici italiani e internazionali. Ma la voglia di restare sul territorio, per poter valorizzare ingredienti e risorse di un’area ricca di opportunità l’ha portato a restare ancorato alle origini, col gusto per una cucina che è insieme memoria della propria terra e influenze che si sommano dai periodi trascorsi in giro per il mondo.

Retroscena a Porto San Giorgio

Scendendo lungo la costa, a Porto San Giorgio, è pronto a esordire pure un altro giovane chef che di gavetta ne ha fatta tanta, tra le cucine del Tiglio di Enrico Mazzaroni e della Francescana nella squadra di Massimo Bottura, contando pure un’esperienza nel Nord Europa, a Oslo, che molto lo influenzerà nella gestione del suo primo locale in solitaria. Retroscena è il bistrot che Pierpaolo Feracuti si appresta a inaugurare nella piazzetta del teatro di Porto San Giorgio (non distante da un altro giovane ambasciatore della cucina contemporanea locale, Nikita Serggev, alla guida de L’Arcade), a partire dal 27 maggio. Figlio di ristoratori, Pierpaolo ha scelto di impostare il lavoro fondendo la centralità del fattore umano con la voglia di mostrarsi senza barriere ai commensali, secondo un’idea di ristorazione che importa esperienze come quelle del Kontrast e del Maaemo di Oslo: “In entrambi ho avuto modo di lavorare per qualche mese, e sono rimasto positivamente impressionato dalla pulizia e dal rigore della cucina, come dalla capacità di lavorare con efficienza in squadra”.

(fonte: gamberorosso.it)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.